Assorinnovabili Posts

Fonti rinnovabili post COP21: “Non c’è tempo da perdere”

Fonti rinnovabili post COP21: “Non c’è tempo da perdere”

La conferenza “Rinnovabili: carta vincente della politica energetica italiana post COP21″ tenuta a Roma il 24 maggio 2016 organizzata da Assorinnovabili, ha visto riuniti i maggiori esponenti del mercato energetico italiano per discutere del recepimento degli accordi presi alla COP21 a Parigi. Come dichiara Agostino Re Rebaudengo, Presidente di assoRinnovabili “Non c’è tempo da perdere: COP21 è stata firmata, ora dobbiamo attuarla!” Di seguito un breve riassunto degli interventi più interessanti sul ruolo delle fonti rinnovabili, estrapolati dal comunicato stampa che puoi scaricare cliccando su Comunicato Stampa.

Assorinnovabili: “lo spalma incentivi ha minato credibilità e principi stato di diritto”

Assorinnovabili: “lo spalma incentivi ha minato credibilità e principi stato di diritto”

Ogni giovedì lo speciale “4 domande a” sulle tematiche di transizione energetica, futuro fotovoltaico, crisi del settore e investimenti green. In questo numero ospite Agostino Re Rebaudengo, presidente di Assorinnovabili. Nell’intervista si parla dei benefici delle rinnovabili sul sistema elettrico nonostante la componente A3 in bolletta, di ripresa del fotovoltaico tramite SEU e sistemi di accumulo e del ruolo delle rinnovabili in 10 anni in ottica di grid parity e transizione energetica.

 

Assorinnovabili ha depositato il ricorso vs. spalma-incentivi

ricorso_spalma_incentiviL’associazione Assorinnovabili ha depositato il ricorso contro il provvedimento spalma-incentivi presso il TAR. Secondo quanto comunicato da Assorinnovabili, al ricorso hanno aderito circa 800 operatori del settore fotovoltaico, portando a 1.100 il numero dei ricorrenti, se si contano anche le aziende rappresentate da Confagricoltura, con cui Assorinnovabili ha congiuntamente presentato ricorso.

Spalma incentivi: assoRinnovabili intraprende azioni legali

Comunicato Stampa del 13 ottobre 2014
Era atteso entro il 1° ottobre 2014, ma ad oggi non si ha ancora notizia del decreto attuativo che avrebbe dovuto disciplinare le percentuali di rimodulazione dell’incentivo, previste dall'”opzione b”, una delle tre contenute nella contestata norma “Spalma Incentivi”.

Cosa comporta questo ritardo?

AssoRinnovabili raccoglie le adesioni per il ricorso contro lo Spalma Incentivi

Comunicato di Assorinnovabili:
Sono già numerosissimi gli operatori che si sono rivolti ad assoRinnovabili perché coordini il ricorso contro lo Stato Italiano che ha approvato la norma Spalma Incentivi, che modifica unilateralmente e retroattivamente i contratti sottoscritti con il GSE.
assoRinnovabili chiederà la dichiarazione di incostituzionalità dello “spalma incentivi”, come già segnalato dal Presidente Emerito della Corte Costituzionale Prof. Valerio Onida, rappresentando tutte le parti coinvolte e danneggiate da questo provvedimento miope e controproducente.

Non perderti le novità

Piaciuto l’articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere le notizie sul mercato fotovoltaico!

I dati saranno trattati nel rispetto privacy.