Smaltimento pannelli fotovoltaici: come funziona e quanto costa?

Smaltimento pannelli fotovoltaici: come funziona e quanto costa?

Dopo anni di installazioni per alcuni impianti fotovoltaici si avvicina l’ora di pensare allo smaltimento e riciclo dei pannelli solari. In tale ottica il GSE ha recentemente pubblicato istruzioni per lo smaltimento pannelli fotovoltaici incentivati. Come funziona il sistema di riciclo in Italia, la normativa RAEE e quali sono i costi per lo smaltimento a fine ciclo. Cerchiamo di fare un pò di chiarezza.

 

Il 28 marzo 2014 il decreto legge n.49/2014 “Attuazione della direttiva 2012/19/UE sui rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettronice (RAEE)” è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Per la prima volta, i pannelli fotovoltaici rientrano nella categoria RAEE.

 

Cosa sono i RAEE?

Per i prodotti contrassegnati come RAEE, la normativa prevede che i produttori e importatori di prodotti elettronici assicurino uno specifico smaltimento e riciclo dei materiali. Nello specifico caso dei pannelli solari, si prevede che i produttori o importatori di moduli garantiscano un recupero e uno smaltimento “ambientalmente compatibile”.

 

Le categorie RAEE per il fotovoltaico

La normativa prevede una suddivisione degli adempimenti in base alla grandezza degli impianti:

  • Per rifiuti derivanti da impianti con potenza inferiore a 10kWp (“RAEE domestici”), la responsabilità dello smaltimento è a carico dei produttori presenti sul mercato nell’anno in cui si verificano tali costi, in base alla rispettiva quota di mercato. Per i proprietari è quindi gratuito.
  • Per rifiuti originati da pannelli installati in impianti con potenza superiore o uguale a 10kWp immessi nel mercato prima del 12 aprile 2014, la responsabilità è a carico dei produttori nel caso di sostituzione ma a carico dell’utente detentore negli altri casi. Per moduli immessi nel mercato dopo il 12 aprile 2014 la responsabilità è a carico dei produttori.
    • Per gli impianti incentivati in I, II e III Conto Energia è previsto un meccanismo di garanzia per un corretto smaltimento gestito direttamente dal GSE. Il GSE, negli ultimi dieci anni di incentivazione, trattiene una quota finalizzata a coprire i costi di riciclo. Dopo 6 mesi dall’avvenuto smaltimento l’importo verrà restituito, accertato il corretto smaltimento dei moduli secondo la normativa RAEE.
    • Impianti del IV e V Conto Energia entrati in funzione dopo il 01/07/2012 sono esonerati dagli adempimenti in quanto erano già soggetti al meccanismo di gestione tramite specifici Consorzi che garantiscano lo smaltimento a fine vita.

 

Riciclo e smaltimento pannelli fotovoltaici: modalità e costi

  • Rifiuti provenienti da impianti fotovoltaici con potenza <10kWp devono essere conferiti ai Centri di Raccolta. Lo smaltimento è per i proprietari di tali impianti gratuito.
  • Rifiuti provenienti da impianti fotovoltaici con potenza ≥10kWp devono essere conferiti ad un impianto di trattamento autorizzato (elenco impianti al link) o, per i casi ammessi, ai Centri di Raccolta (assicurando compilazione e firma della “Dichiarazione di avvenuta consegna del RAEE derivante dal pannello fotovoltaico incentivato in Conto Energia”  da rispedire al GSE) dal soggetto responsabile in relazione alla data di allacciamento (punto n°2 – Categorie RAEE per il fotovoltaico).

 

Smaltimento impianti fotovoltaici incentivati

A partire dall’undicesimo anno di incentivazione, il GSE trattiene dalle tariffe incentivanti di cui al I, II, III, IV e V Conto Energia, una quota a garanzia della totale gestione dei rifiuti derivanti da pannelli fotovoltaici. La quota verrà restituita una volta provato (attrarverso l’invio di documentazione adeguamente compilata entro 6 mesi dallo smaltimento) il corretto smaltimento e riciclo dei moduli. Impianti allacciati dopo il 30/06/2012 (IV e V Conto Energia) sono esclusi dal meccanismo di prelievo GSE in quanto hanno già aderito ad un consorzio che garantirà un corretto recupero e riciclo dei pannelli. La quota trattenuta dal GSE è pari:

  • ad un valore compreso nell’intervallo 8 – 12 €/pannello per i RAEE fotovoltaici domestici;
  • ad un valore compreso nell’intervallo 6 – 10 €/pannello per i RAEE fotovoltaici professionali.

 

Il GSE, nel corso dell’anno 2016, metterà a disposizione del Soggetto Responsabile dell’impianto incentivato un Portale informatico in cui il Soggetto, relativamente ad ogni impianto incentivato, potrà visionare almeno le seguenti informazioni:

  • i principali dati tecnici dell’impianto;
  • il numero totale dei pannelli incentivati;
  • per ogni pannello la matricola, la casa produttrice e la tecnologia;
  • il valore della quota trattenuta con il dettaglio dei relativi interessi;
  • il numero e la matricola dei pannelli sostituiti;
  • l’ammontare della quota già restituita dal GSE al Soggetto Responsabile conseguentemente alla sostituzione di alcuni pannelli.

Dal Portale informatico sarà, inoltre, possibile scaricare le dichiarazioni necessarie per provare l’avvenuto smaltimento secondo la normativa vigente, e caricare la documentazione comprovante l’avvenuto smaltimento.

 

Si precisa che, le informazioni contenute rispecchiano le istruzioni operative per la gestione e lo smaltimento dei pannelli fotovoltaici incentivati, tutt’oggi in fase di sviluppo. In considerazione del fatto che le prime quote saranno trattenute dal GSE nel corso dell’anno 2016, il GSE ha ritenuto opportuno sottoporre a consultazione pubblica i principali aspetti delle istruzioni operative, al fine di strutturare un processo che garantisca un’efficiente gestione dei RAEE fotovoltaici nel rispetto della normativa vigente.

 

Link utili:

 

Milk the Sun – il mercato del fotovoltaico

Consulta gli impianti fotovoltaici al momento in vendita alla pagina: https://www.milkthesun.com/it/impianto-fotovoltaico/cerca-progetto

Sei proprietario di un impianto fotovoltaico? Clicca qui per calcolare gratis il valore del tuo impianto per una messa in vendita.

Fabio Sandrin

Fabio Sandrin (30) - Resp. Italia Milk the Sun e autore del blog Milk the Sun.